Gli investitori istituzionali hanno comprato Bitcoin da detentori a lungo termine alla fine del 2020

Von | 1. Februar 2021

Incassando i profitti quando BTC ha raggiunto nuovi massimi alla fine del 2020, i detentori a lungo termine hanno effettivamente venduto le loro posizioni bitcoin agli investitori istituzionali, dice il rapporto OKEx.

La narrazione che gli investitori istituzionali hanno spinto il prezzo di BTC nella stratosfera alla fine del 2020 ha ricevuto un’altra conferma da un documento di ricerca compilato dal popolare scambio OKEx. Il documento della società ha indicato l’approvazione di Paul Tudor Jones del Crypto Engine a metà del 2020 come il punto di svolta per l’adozione istituzionale.

PTJ ha cambiato il gioco del Bitcoin

Era l’inizio di maggio, il mondo aveva iniziato a sentire gli effetti negativi della pandemia COVID-19, le economie globali avevano iniziato a contemplare la loro prossima mossa, mentre il bitcoin si stava riprendendo dal crollo di metà marzo e si stava preparando per l’imminente dimezzamento.

Mentre la maggior parte dei membri della comunità speculava se l’evento fosse già prezzato o meno, uno dei più celebri e rispettati gestori di hedge fund statunitensi, ovvero Paul Tudor Jones III, ha rilasciato quello che avrebbe dovuto essere un outlook di mercato di routine. Un’iniziativa che ha fatto numerose volte nel corso della sua lunga carriera.

Ciò che ha reso questo diverso, però, è stato l’approvazione del bitcoin. Inoltre, la leggenda degli hedge fund ha persino ammesso di aver acquistato BTC, o come l’ha chiamato – „il cavallo più veloce“ – per combattere la crescente inflazione indotta dalle iniziative dei governi di stampare quantità eccessive di valute fiat in un breve periodo.

Anche se le sue parole sono state riportate da vari media all’epoca, si scopre che hanno avuto un impatto sull’ecosistema BTC significativamente più di quanto ci si potesse aspettare. O, almeno, questo è quello che dice il rapporto 2020 di OKEx.

Collaborando con la risorsa di monitoraggio on-chain Catallact, lo scambio ha notato che la percentuale di transazioni del valore di 1.000 BTC, che OKEx ha classificato come „fuori dalla portata degli investitori al dettaglio e dei commercianti“, è esplosa dal 5% in giugno a oltre il 45% in settembre.

Dopo questo picco, tali transazioni on-chain sono diminuite leggermente fino alla fine dell’anno, ma sono rimaste comunque alte sopra il 30%.

„La conclusione che possiamo trarre da questi dati on-chain è che gli investitori istituzionali si sono davvero ammassati nello spazio BTC dopo che Paul Tudor Jones ha annunciato il suo ingresso – e non si sono fermati con la fine del 2020“.

Gli HODLers hanno venduto Bitcoin alle istituzioni

Come BTC ha visto il denaro istituzionale riversarsi, come descritto sopra, il suo prezzo ha reagito con massicci aumenti di prezzo. Alla fine, la criptovaluta ha superato i 20.000 dollari per la prima volta e si è avvicinata ai 30.000 dollari entro la fine dello scorso anno.

OKEx ha esaminato „l’età delle transazioni di monete sulla blockchain di Bitcoin“ da settembre a dicembre e ha concluso che l’età media è aumentata a fine ottobre.

Come tale, la società ritiene che gli HODLers di BTC a lungo termine, noti anche come „balene OG“, hanno realizzato alcuni profitti quando l’asset si è diretto in un territorio inesplorato. È interessante notare che OKEx ha sostenuto che tali investitori hanno venduto le loro monete alle istituzioni:

„Poiché crediamo che gli investitori istituzionali erano sul lato dell’offerta dei libri degli ordini, possiamo dedurre che i titolari di BTC a lungo termine hanno venduto in acquisti istituzionali“.

Inoltre, la ricerca ha aggiunto che i minatori di BTC hanno anche smaltito le loro monete, mentre le istituzioni si accumulavano per trarne vantaggio con acquisti consistenti.